Stai usando tutto il tuo cervello? - © Ilaria Ruggeri

Da anni gira la storia che l’essere umano utilizza solo il 10% del cervello. Mi spiace, ma è una bufala. La materia bianca del cervello, quella considerata passiva, è in realtà costituita da assoni, i conduttori degli impulsi dei neuroni (la materia grigia), e ha la sua funzione. Non ci sono quindi super poteri psichici sconosciuti o potenziali sopiti.

Altro fatto: il cervello è diviso in due emisferi che si trovano uno a destra e uno a sinistra della nostra scatola cranica e hanno un collegamento centrale. La bufala a riguardo dice che i due emisferi funzionano in maniera indipendente e sono specializzati in funzioni diverse. In realtà le funzioni cerebrali sono piuttosto diffuse, ma questa divisione destra-sinistra funziona bene in modo simbolico per in modo simbolico per rappresentare le diverse capacità del nostro cervello, molto diverse e complementari. Alcune le utilizziamo spesso, altre invece finiamo per trascurarle, ignorarle o svalutarle.

L’emisfero sinistro rappresenta la sfera di logica, razionalità, pragmatismo.

Chiameremo questa parte Veronica. Veronica è brava a rispettare gli orari, porta sempre con sé un’agenda, elenca i suoi impegni in to-do list, adora archiviare le fatture e compilare file Excel, si diverte a calcolare a mente il resto della spesa e fare le parole crociate, è una maga nell’incastrate gli appuntamenti e ha già aiutato diverse amiche a scrivere un business plan.

L’emisfero destro invece rappresenta creatività, capacità simboliche, intuito.

Possiamo chiamare questa parte Elisa. Elisa è l’amica da cui tutti vanno a confidarsi, capisce le situazioni al volo, ama dipingere e ballare, nel tempo libero legge libri di poesie, ha un diario dei sogni, fa Yoga e non trova mai le cose in borsa.

L’ambiente in cui viviamo, l’educazione ricevuta e il nostro carattere fanno emergere di più alcune caratteristiche. Nella nostra società la logica e l’affidabilità sono quasi sempre favorite, mentre l’ambiguità e il non razionale possono essere un problema serio. Veronica ed Elisa però sono la stessa persona. Anzi, in realtà Veronica ed Elisa sono un team: lavorano insieme perché dove non arriva una, arriva l’altra. Hanno deciso di specializzarsi in ambiti molto diversi, ma sanno che per fare le cose al meglio bisogna collaborare.

L’emisfero destro e quello sinistro sono presenti in ogni essere umano, così come le loro risorse.

Se ti senti una tipa più Veronica o più Elisa, ricordati che c’è un po’ di entrambe anche dentro di te. Pensa se riuscissi a sfruttare tutte le loro capacità!

Per farlo è importante prima di tutto valorizzare tutte e due: i due approcci sono molto diversi, ma non c’è un migliore o un peggiore. Prova a ripensare per un momento a quello che ti permettono di fare. Come sarebbe la tua vita se ti appiattissi solo in una di queste due dimensioni?

Smettila anche di mettere etichette o di dire “no, io non sono il tipo!”. Ok, fino ad ora il computer è stato uno dei tuoi peggiori incubi, ma è perché non hai mai chiesto l’aiuto della Veronica che è dentro di te! Prova a darle spazio e vedrai che piano piano prenderà mano. E se hai sempre pensato di essere negata per l’arte, che ne dici di chiedere ad Elisa di farti vedere come si fa?

Stimolare e integrare entrambe le parti può portarti a idee geniali!

Alternare le due modalità di pensiero e utilizzare le possibilità di ognuna ti permette di avere davvero un pensiero creativo. Puoi partire dai fatti, rielaborare in modo intuitivo, creare soluzioni nuove, verificarle e adattarle. Veronica ed Elisa si sentiranno coinvolte e tu sarai soddisfatta del loro lavoro.
 
 
 
Vuoi provare ad attivare il cambiamento stimolando la tua parte creativa? Scarica il mini workbook gratuito COACHING DI HALLOWEEN, per una crescita personale da paura.